MDC

mezzi di contrasto (abbreviati in m.d.c.) o agenti di contrasto sono sostanze in grado di modificare il modo in cui una regione analizzata appare in una immagine medica. Specificamente, alterano il contrasto di un organo, di una lesione, o di qualsiasi altra struttura rispetto a ciò che la circonda, in modo da rendere visibili dettagli che altrimenti risulterebbero non apprezzabili.

Gadolinio

È il mezzo di contrasto più usato in assoluto in risonanza magnetica, per le caratteristiche paramagnetiche del suo ione Gd3+. Viene usato in soluzione e complessato da leganti ciclici poliamminopolicarbossilici, che servono a evitare la tossicità dello ione libero per l’organismo umano. Si usa frequentemente il Gd-DTPA come m.d.c. extracellulare, il che significa che ha una fase intravascolare e una fase interstiziale. Questo è utile ad esempio per valutare l’integrità della barriera emato-encefalica (BEE), o per valutare il pattern di impregnazione e quindi di vascolarizzazione di una lesione. Una tipica applicazione è l’effettuazione di esami di angiografia (CE-MRA, Contrast Enhanced Magnetic Resonance Angiography). Esistono anche altri mezzi di contrasto contenenti gadolinio con diverse specificità tissutali, come il Gd-BOPTA, m.d.c. epatospecifico che si accumula elettivamente negli epatociti funzionanti e viene da questi escreto nelle vie biliari (si usa quindi anche nella colangio-RM). I mezzi di contrasto a base di gadolinio aumentano il segnale nelle sequenze T1 pesate dato che riducono il tempo di rilassamento T1.

Ossido di ferro

È un mezzo di contrasto superparamagnetico che fa parte dei m.d.c. reticoloendoteliali. Le particelle di ossido di ferro sono elettivamente captate dal sistema reticolo-endoteliale (SRE), dunque principalmente dal fegato(le cellule di Kupffer costituiscono l’80% dei macrofagi dell’organismo), ma anche da midollo osseo e milza, e hanno un effetto contrastografico negativo, ossia riducono l’intensità del parenchima sano nelle sequenze T2pesate.

Emoglobina

L’emoglobina è presente in tutti i globuli rossi dell’organismo umano, ed è la molecola che gioca il ruolo più importante nel trasporto dell’ossigeno e dell’anidride carbonica. Siccome le sue caratteristiche magnetiche variano a seconda dell’ossigenazione della molecola (effetto BOLD), essa agisce come mezzo di contrasto intrinseco cioè naturalmente presente nel corpo. Questa proprietà viene sfruttata per visualizzare le aree di tessuto ossigenate o meno, principalmente nella risonanza magnetica funzionale.

Succo di ananas

Il succo di ananas è un mezzo di contrasto superparamagnetico naturale utilizzato in particolare per l’esame di colangiografia in risonanza magnetica perché più gradevole e molto più economico dei farmaci utilizzati tradizionalmente. La sua efficacia è stata scoperta nel 2004, da quel momento gli studi sui succhi di frutta come mezzi di contrasto e il loro uso quotidiano si stanno diffondendo in diverse strutture ospedaliere.

« Back to Glossary Index