Abbiamo appena discusso di come si comportino Pixel e Voxel, i diversi tipi di geometrie spaziali e di configurazione geometrica che si può utilizzare, ma andiamo a definire meglio le caratteristiche delle diverse tecniche di acquisizione prima di procedere ulteriormente con concetti nuovi.

Abbiamo parlato anche di onde complesse, di segnali rilevati, di T1 e T2 e abbiamo definito i concetti di Iperintenso, isointenso e ipodenso, è ora di capire come vengono assegnati i colori ai vari pixel e come possono essere gestiti con le ricostruzioni.

Torniamo col pensiero ai tessuti di riferimento spiegati, water based, fat based e acqua libera.

T1 T2 DP

Tessuti con Alte percentuali di Acqua

Tessuti con Alte percentuali di Grasso

Tessuti con solo Acqua libera

Ricordiamo che i loro segnali derivano dalle misurazioni rispettive :

Misurazione del tempo T1

lezioni di risonanza magnetica pesatura t1 schema 2
lezioni di risonanza magnetica pesatura t1 immagine

Acqua

Grasso

Acqua libera

Misurazione del tempo T2

lezioni di risonanza magnetica pesatura t2 schema 2

Acqua

Grasso

Acqua libera

Misurazione della DP

lezioni di risonanza magnetica pesatura densita protonica schema
lezioni di risonanza magnetica pesatura densita protonica

Acqua

Grasso

Acqua libera

Per cui iniziamo ad avere diverse armi sulle quali ragionare. Abbiamo registrato che un Pixel, o Voxel che contiene acqua legata a tessuti diversi ha comportamenti diversi nei tempi di rilassamento T1 e T2 come ci ha spiegato Bloch. Il risultato finale sarà una Matrice dove ogni Pixel contiene un valore di Intensità direttamente proporzionale alla quantità di segnale rilevata nella magnetizzazione trasversale durante l’ascolto dell’echo, come invece ci ha spiegato Fourier.

Come possono essere elaborate digitalmente le immagini ottenute ?

Ci sono diversi metodi di ricostruzione di un’immagine tridimensionale:

  • MIP

  • MinIP

  • MPR

  • Volume rendering

Maximum Intensity Projection (MIP)

Consiste in una tecnica di ricostruzione che prevede di proiettare il voxel con il valore di segnale più alto lungo tutto un Volume. Per ogni coordinata X Y viene rappresentato solo il voxel con il valore di intensità maggiore, lungo l’asse Z.

Minimum Intensity Projection (MinIP)

Al contrario di MIP , MinIP prevede di proiettare il voxel con il valore di segnale più basso lungo tutto un Volume.

Multi Planar Recostruction (MPR)

Grazie a questo tipo di ricostruzione, si possono ricreare piani bidimensionali a partire da un volume tridimensionale, selezionando solo una linea di voxel.

Volume Rendering (VR)

Il volume rendering consiste nella creazione di un solido in 3d considerando solo i voxel più esterni, creando quasi una resa reale dell’oggetto scansionato.

Vai al Questionario 4