Info per Pazienti

Risonanza magnetica, digiuno o no ?

By marzo 11, 2018 0 Commenti

In questo articolo cercheremo di rispondere a questa domanda che ci assilla sempre tutti, è davvero necessario rimanere a digiuno il giorno prima della risonanza magnetica ?

Potrebbe sembrare una cosa banale ma invece si tratta di una accortezza non da poco, sono diverse le situazione per ogni tipo di risonanza magnetica e di paziente, cerchiamo di rispondere alle domande più comuni in merito.

In quali casi è importante rimanere a digiuno.

Il digiuno è una buona prassi per eseguire una risonanza magnetica alla perfezione, sopratutto delle regioni interessate dal transito e digestione del cibo stesso, e in secondo luogo in tutte quelle risonanze che necessitano di una iniezione di mezzo di contrasto, che potrebbe avere delle interferenze con il processo di digestione.

Nel caso dobbiate eseguire una risonanza dello stomaco o delle regioni circostanti , mangiare sarebbe un problema molto grave, in quanto potrebbe addirittura ridurre la qualità diagnostica dell’esame.




Nel caso dobbiate eseguire una risonanza con mezzo di contrasto il processo digestivo potrebbe provocare reazioni di vomito durante l’esame con la conseguente interruzione dello stesso, inficiandone la qualità stessa.

Anche le la risonanza che dovete eseguire è senza mezzo di contrasto, una piccola probabilità che venga usato c’e’ sempre, perché rimane comunque a discrezione del radiologo, che nel vostro interesse, se serve, per completare l’indagine, potrebbe chiedervi di eseguire l’iniezione se pero avete mangiato questo non potrà accadere, dovendo necessariamente riprenotare l’esame, rimanendo digiuni invece anche questo pericolo di allontana.

In quali casi sarebbe meno importante

Sembrerebbe logico pensare che per le risonanze di tipo articolare il mezzo di contrasto sia inutile, ma ricordiamoci sempre che esiste sempre una piccola probabilità di dover completare l’esame di risonanza con un iniezione di mezzo di contrasto endovenosa e nel caso abbiamo mangiato, questa non potrà avvenire, dunque anche per le risonanza senza mezzo di contrasto sarebbe consigliabile non mangiare.

Per la risonanza magnetica con contrasto devo rimanere a digiuno ?

Si ! Per la risonanza magnetica con contrasto è fondamentale rimanere a digiuno . Ci sono diversi motivi per i quali è meglio non mangiare, ad esempio alcune persone , anche se il mezzo di contrasto della risonanza non da particolari sensazioni, provano agitazione nel momento in cui il contrasto entra nel corpo attraverso il cateterino venoso, questo potrebbe provocare anche stati di vomito, che rovinerebbero l’esecuzione corretta dell’esame nella sua fase più importante. L iniezione di mezzo di contrasto, salvo alcuni casi particolari non è ripetibile ed è dunque fondamentale che avvenga nella più assoluta sicurezza. Un secondo motivo non meno importante sono i tipi di reazione di tipo allergico al mezzo di contrasto della risonanza, anche se rare, si possono più che altro manifestare come delle lievi reazioni che possono indurre vomito, ed anche in questo caso, l’esame verrebbe rovinato, rendendolo inutile per il paziente stesso che dovrà ripeterlo. Un terzo motivo è quello che durante la reazione allergica grave, che succede in rarissimi casi, l’anestesista che cercherà di intubare un paziente potrebbe trovarsi in difficoltà nel caso del cibo refluisse,  rendendo le manovre di rianimazione più complesse e mettendo ulteriormente la salute del paziente. Per questi motivi e’ fondamentale rimanere a digiuno prima di una risonanza magnetica con contrasto, almeno 8 ore, per stomaci più lenti.

In quali casi è necessario seguire una dieta anche i giorni precedenti ?

Nel caso delle risonanze dell’addome è altamente consigliata una pulizia intestinale affinché la qualità delle immagini sia alta. Chiediamo consiglio al nostro medico di base sulle tempistiche adatte a voi e al vostro fisico per arrivare al giorno dell’esame più liberi possibili da scorie di materiale solido nell’intestino.

Cosa succede se mangio prima della risonanza ?

Potresti vomitare tutto. A volte la risonanza magnetica induce stati di tensione nelle persone, anche se è un esame assolutamente tranquillo, però le persone si emozionano, e lo affrontano con agitazione. Senza parlare delle persone claustrofobiche.


Ricordiamoci che spesso viene fatto da sdraiato, per cui tutte quelle persone che hanno problemi di reflusso potrebbero non trovarsi a proprio agio.

A volte il mezzo di contrasto durante la sua iniezione endovenosa, se il processo di digestione è attivo, provoca una sensazione di vomito, che in alcuni casi provoca l’interruzione dell’esame con conseguente peggioramento dello stesso.

Rimanere digiuni un giorno non è importante confronto al fatto di eseguire bene questa indagine cosi precisa e importante.

Quante ore devo rimanere a digiuno ?

Ci sono persone che in 3 o 4 ore hanno digerito tutto, ma ci sono anche persone che potrebbero metterci di più sia per condizioni patologiche sia fisiologiche.

Digiunare per almeno 8 ore prima della risonanza e’ un tempo che va bene per tutti, questo consiglio vale per tutte le iniezioni di mezzo di contrasto anche non in risonanza magnetica.

Posso prendere le pastiglie ? dovrei prenderle a stomaco pieno, come faccio ?

Tieni conto del fatto che nessuna terapia medica può essere interrotta senza il consiglio del tuo medico o di uno specialista. Cerca invece di calcolare i tempi piu adatti ad assumere i tuoi medicinali rispetto al digiuno di 8 ore prima della risonanza.

In linea di massima potrai prendere tutti i tuoi farmaci, ma per essere davvero certo, chiedi al tuo medico come comportanti.

Bere acqua significa rimanere a digiuno?

L’acqua si può tranquillamente bere, però anche in questo caso potrebbe influire sulla qualità di alcuni esami. Ad esempio se beviamo una bottiglietta da mezzo litro proprio prima di entrare in risonanza, questa acqua si depositerà nello stomaco nell’intestino, nei reni e in vescica. La risonanza funziona con l’acqua e questo potrebbe influire sull’indagine.

Se stiamo per eseguire una colangio RMN bere e’ sconsigliato

  • Nelle indagini della vescica, bere è consigliato.
  • Nelle risonanza dell’addome, bere e’ sconsigliato.
  • Nelle risonanze renali, bere è consigliato.
  • Nella risonanza dello stomaco bere è sconsigliato.
  • Nello studio dell’intestino bere e’ sconsigliato in quanto e’ necessario bere un liquido per la preparazione particolare.

Posso bere il thè?

Il thè vale come l’acqua, gli stessi consigli del paragrafo precedente.

Dopo la risonanza posso mangiare ?

Certo, dopo la risonanza magnetica potrai mangiare quello che vorrai. Anche dopo quella con mezzo di contrasto.