FAQ RMN

Risonanza magnetica senza mezzo di contrasto

By aprile 27, 2018 0 Commenti

La risonanza magnetica senza mezzo di contrasto è una componente fondamentale di tutti gli esami di risonanza. Anche nelle risonanze magnetiche con contrasto, gran parte dell’esame viene eseguito senza mezzo di contrasto, solo verso la fine dell’esame viene aggiunto tramite un inettore automatico.

Gran parte delle risonanze magnetiche sono senza mezzo di contrasto .

Un esame di risonanza magnetica è spesso composto da tante “pesature” che definiscono la “colorazione” dell’immagine. Esistono diversi tipi di pesatura, come ad esempio la pesatura t1 e la pesatura t2. Un esame di risonanza e’ composto in gran parte da sequenze che hanno una pesatura t2 e la pesatura t2 non e’ sensibile al mezzo di contrasto.

Sono solo sequenze pesate in t1 ad esserlo, per cui il mezzo di contrasto è efficace soltanto con questo generi di sequenze.

Per cui se non si può eseguire il mezzo di contrasto per una particolare allergia o i sintomi non giustificano il rischio di incorrere in uno shok, si può tranquillamente rinunciare ad eseguire il mezzo di contrasto in quando non e’ fondamentale.

Anche le sequenze angiografiche , come ad esempio le sequenze tof e le sequenze phase contrast non hanno bisogno del mezzo di contrasto.

Addirittura con apparecchiature da 3 Tesla e’ possibile eseguire una perfusione dei tessuti cerebrali grazie a una particolare sequenza chiamata artery spin  labeling.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi