Risonanza Magnetica Nucleare dell Ipofisi

35
Durata Esame
60
Ticket SSN
90
Prob. MDC
450
Prezzo Privato
t1 spin echo ipofisi risonanza magnetica senza mezzo di contrasto

Risonanza Magnetica dell’ ipofisi

La risonanza magnetica dell Ipofisi fa parte delle risonanze magnetiche NeurologicheComprende la regione dell’ipofisi e della sella turcica e nel 90% dei casi viene eseguita con l’utilizzo del mezzo di contrasto. La sua durata e’ variabile, dai 30 ai 40 minuti, è consigliato rimanere a digiuno. Si esegue supini e la testa viene inserita in un casco. Verranno fornite delle cuffie per attutire il rumore della risonanza e un campanello per poter segnalare eventuali problemi.

Scopri come prepararti a una risonanza magnetica

Per cosa si fa la rm dell Ipofisi

  • Pubertà precoce
  • Ritardi della crescita
  • Lesioni sellari e parasellari
  • Microadenomi e Macroadenomi
  • Valutazione generica dell’ipofisi

Protocollo di scansione RM Ipofisi

Un tipico esame MRI mirato della regione ipofisaria comprende le immagini coronali e sagittali del piccolo campo visivo T1 e T1 post contrasto, così come le immagini coronali migliorate a contrasto dinamico, che sono fondamentali per l’identificazione di piccoli microadenomi. Sono spesso incluse anche sequenze ponderate T2, sebbene presentino un beneficio relativamente scarso.

Prima di essere in grado di interpretare le risonanze magnetiche della regione, è importante comprendere la normale anatomia della ghiandola pituitaria e delle strutture circostanti:

  • ghiandola pituitaria
  • seno cavernoso
  • nervo ottico / chiasma ottico / tratto ottico
  • cisterna sovrasellare
  • terzo ventricolo

Le parti anteriore e posteriore della ghiandola pituitaria sono distinte sulla risonanza magnetica.La parte anteriore è isointense su entrambe le immagini ponderate T1 e T2. L’ipofisi posteriore ha un segnale intrinseco alto T1 ed è di un segnale ipertensione su immagini T2 pesate . Durante la sequenza dinamica potenziata dal contrasto, si può vedere il contrasto penetrare nella ghiandola dall’infundibolo e diffondersi gradualmente in più parti periferiche della ghiandola.

Standard

Consigliate

  • T1 Coronale TSE 3mm SPIR

Iniezione

Eseguita con mezzo dose per microadenomi

Eseguita con dose intera per macroadenomi

  • T1 Dinamica GE Coronale 1mm

Dopo MDC

  • T1 Assiale TSE 3mm SPIR
  • T1 Coronale TSE 3mm SPIR
  • in alternativa T1 3D per macroadenomi
Media
Difficoltà esec.
Bassa
Prob. Alto SAR
Coronale
Piano Preferito
1-3
Spessore strato

La difficoltà di esecuzione di questo protocollo sta nella corretta impostazione dei pacchetti di scansione, un sapiente posizionamento delle bande di saturazione potrebbe evitare parecchi artefatti da movimento dei vasi arteriosi più grandi che inevitabilmente verranno compresi nel FOV di scansione. Il contrasto viene iniettato durante la scansione dinamica T1, con solamente mezza dose nel caso di microadenoma, altrimenti le caratteristiche selettive dell’ipofisi nei confronti del contrasto creerebbero una tale impregnazione da poter nascondere il segnale dell’adenoma che invece e’ caratterizzato da una lenta e ridotta presa di contrasto.

Centratura piano Assiale

risonanza-magnetica-encefalo-centratura-assiale
risonanza-magnetica-encefalo-centratura-assiale-2
risonanza-magnetica-encefalo-centratura-assiale-3

Centratura piano Coronale

risonanza-magnetica-encefalo-centratura-coronale
risonanza-magnetica-encefalo-centratura-coronale-2
risonanza-magnetica-encefalo-centratura-coronale-3

Centratura piano Sagittale

risonanza-magnetica-encefalo-centratura-sagittale
risonanza-magnetica-encefalo-centratura-sagittale-2
risonanza-magnetica-encefalo-centratura-sagittale-3
  • RM precedenteRisonanza Magnetica Nucleare delle orbite oculari