La risonanza magnetica del polso rientra nella categoria delle risonanze muscolo scheletriche, articolari. Si può eseguire sia con che senza mezzo di contrasto. La sua durata e’ standard, circa 30-40 minuti. Viene posizionata una bobina sul polso. Solitamente durante questo tipo di esame la testa del paziente rimane fuori dalla macchina, per cui i problemi di claustrofobia vengono minimizzati. Si può eseguire anche su risonanze magnetiche aperte o dedicate agli studi articolari.

Per cosa si fa la rm del polso?

  • Lacerazioni dei legamenti
  • Mancata fusione carpale
  • Sindrome del tunnel carpale
  • Fratture occulte
  • Masse dei tessuti molli
  • Fratture pediatriche
  • Impingement dei nervi
  • Necrosi avascolari
  • Neoplasie ossee, articolari o dei tessuti molli
  • Valutazioni di corpi mobili intraarticolari
  • Valutazione di difetti cartilaginei
  • Infezioni del tessuto osseo, articolare o molle (osteomielite, osteocondrite, osteoartrite)
  • Disturbi sinoviali (Sinoviti, tenosinoviti, borsiti e cisti gangliari )
  • Anomalie del midollo (contusioni ossee, osteonecrosi, sindromi edematologiche del midollo o fratture da stress)

Quanto dura la rm del polso?

In media la risonanza della polso dura circa 30 – 40 minuti per essere eseguita, anche se può durare di più se c’e’ la necessità di iniezioni di mezzo di contrasto, anche se spesso questo tipo di risonanza viene eseguita senza l’utilizzo del mezzo di contrasto.

Cosa devi fare durante l’esame ?

  • Stare fermo e non muoverti
  • Non gesticolare

PREPARAZIONE ESAME